Porsche Panamericana

Una concept car come regalo di anniversario

La Panamericana era presentata al Salone Internazionale dell'Automobile di Francoforte del 1989, in occasione dell'80° anniversario di Ferry Porsche, presidente del consiglio di amministrazione dell'azienda di Stoccarda.

La concept car, era sviluppata dall'ufficio design di Porsche AG a Weissach, ha preso il nome dalla famosa corsa Carrera Panamericana in Messico, che Porsche ha vinto dal 1952 al 1954. È un'auto unica, un ibrido tra una Targa, una cabriolet, una coupé e un fuoristrada. Alcuni elementi e caratteristiche stilistiche si ritrovano nella Porsche 911 (993) e nella Boxster, che hanno assicurato il successo del marchio negli anni 1990.

La Panamericana era stata presentata come modello ibrido; coupé, cabrio e Targa, con la possibilità di adattarla alla guida in fuoristrada.  © IXO Collections SAS - Tous droits réservés. Crédits photo © Porsche

In origine, il progetto Porsche Panamericana non doveva essere un semplice studio di design. Fino al 1992 Harm Lagaay, il designer olandese che aveva sviluppato il progetto, pensava di aver convinto la direzione dell'azienda tedesca a produrre una vettura in piccola serie. Tuttavia, la situazione finanziaria di Porsche all'epoca non era favorevole e l'idea fu accantonata per il prossimo futuro. Eranno prodotti due modelli: il primo era regalato a Ferry Porsche e il secondo era destinato al Museo Porsche di Stoccarda, dopo essere stato presentato al Salone di Francoforte nel settembre 1989 e al Salone di Tokyo nell'ottobre dello stesso anno. Quando la Panamericana era presentata dopo un periodo di sviluppo di soli sei mesi, stupì gli appassionati del marchio con il suo aspetto da fuoristrada e una serie di caratteristiche pratiche.

La Panamericana è equipaggiata con cerchi in lega Speedline a tre pezzi realizzati esclusivamente per la Panamericana. © IXO Collections SAS - Tous droits réservés. Crédits photo © Porsche

Stile innovativo   

Con i suoi ampi parafanghi, i grandi pneumatici, l'elevata altezza da terra e la capote rimovibile, la Panamericana non era molto apprezzata quando fu presentata al pubblico. Il design generale della carrozzeria ricorda le 911 SC Safari da rally della fine degli anni '70, ma all'epoca era difficile immaginare quanto gli elementi stilistici di questa vettura avrebbero influenzato l'intera produzione Porsche del decennio successivo. Questo modello originale era creato da un team ambizioso, composto da Harm Lagaay, responsabile dello stile, coadiuvato dal britannico Stephen Murkett, mentre la guida tecnica del progetto era nelle mani dell'ingegnere tedesco Ulrich Bez, già responsabile di BMW Technik GmbH e successivamente direttore di Aston Martin. L'idea era quella di offrire un'auto pragmatica ed evolutiva. Ad esempio, i passaruota sono dotati di ampi copriruota per accogliere pneumatici di diverse dimensioni e le regolazioni delle sospensioni possono essere facilmente modificate per trasformare l'auto in un buggy fuoristrada. Lo stesso vale per le diverse configurazioni del tetto, rese possibili da una capote in tessuto impermeabile rimovibile che si fissa con una cerniera e da un lunotto posteriore completamente rimovibile.

Dopo la presentazione ai saloni di Francoforte e Tokyo (nella foto) alla fine del 1989, la Panamericana era esposta al Museo Porsche di Stoccarda.  © IXO Collections SAS - Tous droits réservés.  Crédits photo ©  Porsche

Piattaforma della Carrera 4

La Panamericana era progettata sul telaio della Carrera 4 Cabriolet 964 e con una carrozzeria innovativa per l'epoca, in quanto era la prima a sperimentare il polimero rinforzato con fibra di carbonio per un veicolo di serie. Sotto la carrozzeria si trova il motore piatti da 3,6 litri raffreddato ad aria della Carrera 4, che sviluppa 250 CV e una coppia massima di 31,6 mkg a 4.800 giri/min. Le prestazioni registrate durante un test condotto dalla rivista americana Road & Track Exotic Car Quarterly sono particolarmente convincenti per una concept car: da 0 a 100 km/h in 5,8 secondi e 13,6 secondi per 400 m da fermo! Abbinato a un cambio manuale a 5 rapporti con trazione integrale, il 69% della coppia è distribuito sull'asse posteriore e il 31% su quello posteriore.

La Panamericana era un preludio agli elementi stilistici delle future Porsche 993, in particolare i fari anteriori e la striscia che collega i fari posteriori. © IXO Collections SAS - Tous droits réservés. Crédits photo © Porsche

Il sito di Weissach

La Panamericana era sviluppata nel nuovo centro di sviluppo Porsche di Weissach, a circa 20 chilometri dallo stabilimento di Zuffenhausen, nella regione di Stoccarda. Questa struttura all'avanguardia, nota come EZW, era inaugurata il 1° luglio 1971. Da allora, tutte le Porsche da corsa e da strada sono state create in questa struttura di progettazione unica nel suo genere, dal primo disegno di costruzione del prototipo, fino al collaudo finale sulla grande pista integrata. La prima sede di Weissach, che nel 1961 copriva un'area di 9 ettari, è cresciuta costantemente fino a superare i 100 ettari attuali. La sede attuale, completamente rinnovata nel 2004, comprende uno studio di progettazione, un tunnel del vento e un centro di integrazione elettronica. Gli ingegneri di questo centro hanno permesso a Porsche di registrare più di 7.000 patenti internazionali in mezzo secolo.

Scheda tecnica

Porsche Panamericana (1989)

• Motore: tipo M64, cilindri piatti, longitudinale, sbalzo posteriore

• Cilindrata: 3.600 cm3

• Alesaggio x corsa: 100 mm x 76,4 mm

• Potenza: 250 CV a 6.100 giri/min

• Alimentazione: gestione integrale Bosch Motronic

• Accensione: Bosch Motronic integral management

• Fasatura: albero a camme in testa per banco, 2 valvole per cilindro

• Trasmissione:  tipo G64, 4WD, manuale a 5 marce + M.A.

• Pneumatici: 205/55 ZR 16 (anteriore),225/50 ZR 16 (posteriore)

• Freni: dischi ventilati (anteriore e posteriore)

• Lunghezza: 420 cm

• Larghezza: 185 cm

• Altezza: 130 cm

• Interasse: 227,2 cm

• Carreggiata anteriore: 138 cm

• Carreggiata posteriore: 137,4 cm

• Peso (a vuoto): 1.474 kg

• Velocità massima: 257 km/h

Harm Lagaay

La concept car Panamericana è stata progettata dal designer olandese Harm Lagaay, che è stato a capo del dipartimento di design di Porsche AG a Weissach dal 1989 al 2004. Nato a L'Aia il 28 dicembre 1946, Lagaay ha iniziato la sua carriera come designer di automobili alla Simca nel 1968. Dal 1971 è entrato a far parte dell'ufficio design di Porsche e ha partecipato alla progettazione dei modelli 911, 924 e 928. Nel 1977 è diventato responsabile del reparto design della Ford a Colonia, dove ha lavorato ai modelli Escort e Sierra. Nel 1985 è entrata a far parte di BMW Technik GmbH e, in qualità di responsabile del design, sviluppa la BMW Z1 roadster. Tornato alla Porsche, ha definito in modo significativo lo stile dei modelli Boxster, Cayman, Carrera GT, Cayenne e 911 (serie 964, 993 e 996).

Articles récents
LA SITUAZIONE DELLA RETE SNCF DOPO LA LIBERAZIONE

LA SITUAZIONE DELLA RETE SNCF DOPO LA LIBERAZIONE

In una Francia divisa in due dalla linea di demarcazione, solo la ferrovia poteva funzionare senza interruzioni. Un paradosso storico rappresentato dalla stazione di Avricourt, tra Parigi e Strasburgo, che ha riconquistato la sua posizione di stazione di frontiera tra il 1871 e il 1918! read more

Share this post

Pagamento sicuro al 100%. Pagamento sicuro al 100%.
Imballaggio sicuro Imballaggio sicuro
Trasporto sicuro  Trasporto sicuro
Abbonamento flessibile  Abbonamento flessibile