Porsche 924

Una nuova direzione

Nel 1976, Porsche ha provocato una rivoluzione culturale con il lancio di una coupé con motore a quattro cilindri, montato anteriormente e raffreddato ad acqua. Nonostante le critiche, il modello ha avuto un grande successo.

La 924 fu l'anello indispensabile della serie di modelli Porsche a motore anteriore che sarebbero seguiti, tra cui la 928 e la 944.. Al momento della sua presentazione, tuttavia, i fan sfegatati di Porsche hanno espresso molte reticenze e critiche. Data l'architettura meccanica e alcune delle soluzioni tecniche adottate, i fedeli fan del marchio di Stoccarda si sono chiesti se la 924 fosse davvero una Porsche o una Volkswagen ribattezzata come la 914 prodotta alla fine degli anni Sessanta.

La versione Turbo (a destra nella foto) si distingue dalla versione base per il frontale modificato con prese d'aria aggiuntive e ruote speciali. © IXO Collections SAS - Tous droits réservés. Crédits photo © Porsche / D.R.

La storia di questo modello, a lungo trascurato, ha avuto inizio durante la difficile congiuntura economica e industriale dei primi anni Settanta, che non è sfuggita nemmeno ai produttori dell'altra sponda del Reno. Nel 1970, Volkswagen commissionò al Porsche Design Office di Weissach la progettazione del successore della VW-Porsche 914. Il progetto, noto internamente come EA 425, doveva inizialmente essere un'Audi, ma all'ultimo momento Rudolf Leiding di Volkswagen decise di eliminare questo modello sportivo dal programma VW, temendo che non avrebbe venduto a sufficienza. Porsche, desiderosa di ampliare la propria gamma, colse l'occasione e la 924 fu commercializzata con il nome della società di Stoccarda, mentre la produzione fu affidata allo stabilimento Audi-NSU di Neckarsulm.

Questa vista della trasmissione Transaxle mostra i due assi, con il motore nella parte anteriore e il gruppo cambio e asse nella parte posteriore, collegati da un albero di trasmissione. © IXO Collections SAS - Tous droits réservés. Crédits photo © Porsche / D.R.

Un percorso diverso    

Nel 1972, Ferry Porsche e sua sorella Louise Pïech, proprietari del marchio di Zuffenhausen, decisero di affidare la gestione dell'azienda al Dr. Ernst Fuhrmann, creatore del motore Carrera a quattro camme utilizzato nella 356. Fuhrmann riteneva che la 911 avrebbe presto raggiunto la fine della sua vita utile e che i futuri modelli Porsche AG avrebbero dovuto abbandonare il classico concetto di motore posteriore raffreddato ad aria. Allo stesso tempo, lo sviluppo del progetto 928, che utilizzava il principio del motore anteriore raffreddato ad acqua, sembrava far passare in secondo piano il futuro della 911. Questo concetto presentava il vantaggio di un reale spazio per i bagagli e di due posti nella parte posteriore dell'auto, cosa auspicabile per una coupé sportiva da gran turismo. Ma contro ogni previsione, la 911 si è evoluta e ha seguito il suo corso, con il successo che tutti conosciamo. La 928, invece, fu temporaneamente cancellata e non sarebbe stata lanciata fino al 1977. In Porsche, tuttavia, cresceva la sensazione che fosse necessario un modello di seconda generazione da affiancare alla 911 e così, nel settembre del 1975, la 924 fu presentata al Salone dell'Automobile di Francoforte con il nome di 928, più snella. In Porsche stava nascendo una nuova era.

La 924 è stata una pietra miliare nella storia della Porsche. Nella foto, la versione 924 Turbo lanciata nel 1978. Ici la version 924 Turbo lancée en 1978.© IXO Collections SAS - Tous droits réservés.  Crédits photo © Porsche / D.R.

Un'architettura originale 

Nel tentativo di ridurre i costi, molti elementi meccanici esistenti furono riutilizzati nella produzione di serie della nuova 924, come il motore e il cambio dell'Audi 100 e i componenti della trasmissione della VW Scirocco e del Maggiolino. La principale innovazione del design della 924 era la sua insolita configurazione meccanica, già vista nel prototipo della 928. La principale novità del design della 924 era l'insolita configurazione meccanica, già visibile nel prototipo della 928. Si tratta della cosiddetta trasmissione Transaxle, che consiste in un motore longitudinale montato anteriormente, mentre il cambio e il differenziale sono montati sull'asse posteriore. I due elementi sono collegati da un albero motore (20 cm di diametro) che ruota all'interno di un tubo rigido. Ciò garantisce una distribuzione dei pesi molto equilibrata, che assicura alla 924 una trazione e una tenuta di strada ottimali. La struttura è di tipo autoportante e la carrozzeria particolarmente aerodinamica è opera del designer olandese Harm Lagaay, che ha diretto il Porsche Design Office dal 1989 al 2004. L'idea di Lagaay era di offrire un design meno radicale rispetto alla 911, in modo che la 924 fosse accessibile a una clientela più ampia. È chiaro che questo obiettivo è stato raggiunto, visto che tra il 1976 e il 1988 sono state costruite 151.711 vetture, di cui 13.916 della versione 924 Turbo e 16.669 della versione 924 S.

A partire dal 1979 furono prodotte diciassette 924 GTR con motore da 2 litri da 275 CV per competere nel Gruppo 4. © IXO Collections SAS - Tous droits réservés. Crédits photo © Porsche / D.R.

Varie versioni 

Il 4 cilindri in ghisa di 1.984 cm3 della 924 (125 CV e 16,8 mkg di coppia a 3.500 giri/min) proveniva da VW/Audi, mentre la testata in alluminio e l'intera parte superiore erano state progettate da Porsche. La 924 da 2,0 litri era dotata di un cambio manuale a 4 marce, anche se come optional era disponibile un cambio automatico a 3 marce. Nel 1978 debutta il cambio manuale a 5 marce e viene lanciata la versione 924 Turbo. Il suo motore M31/1 manteneva la stessa cilindrata, ma la potenza era aumentata a 170 CV a 5.500 giri/min e la coppia massima era di 25 mkg a 3.500 giri/min, permettendo una velocità massima di 230 km/h. L'anno successivo, la gamma fu completata con una versione Carrera GT da 210 CV. Il secondo grande sviluppo fu l'introduzione della 924 S nel 1986, il successore della 924 2.0. Il suo motore da 2.479 cc era più potente della 924 2.0 e derivava dalla 944 introdotta nel 1982. La potenza di 150 CV a 5.800 giri/min. con una coppia di 19,4 mkg a 3.000 giri/min. e una velocità massima di 215 km/h (215 mph). Nel corso della sua vita, la 924 è stata prodotta in edizioni speciali e limitate, tra cui quelle di Le Mans nel 1980 e nel 1988, Weissach e Jubilee nel 1981 e Kenwood nel 1983.

Scheda tecnica

Porsche 924 (1976)

• Motore: tipo 047/8, 4 cilindri in linea, longitudinale, anteriore 

• Cilindrata: 1.984 cm3 

• Alesaggio x corsa: 86,5 mm x 84,4 mm 

• Potenza: 125 CV a 5.800 giri/min. 

• Alimentazione: iniezione meccanica Bosch K-Jetronic 

• Accensione: Bosch a transistor 

• Distribuzione: albero a camme in testa, 2 valvole per cilindro 

• Trasmissione: tipo 088/6, trazione posteriore, manuale a 4 rapporti + M.A. 

• Pneumatici: 185/70 HR 14 (anteriore e posteriore) 

• Freni: dischi anteriori e tamburi posteriori (doppio circuito idraulico) 

• Lunghezza: 4213 mm 

• Larghezza: 1685 mm 

• Altezza: 1270 mm 

• Interasse: 2400 mm 

• Carreggiata anteriore: 1418 mm 

• Carreggiata posteriore: 1372 mm 

• Peso (a vuoto): 1080 kg 

• Velocità massima: 204 km/h

Porsche 924 da corsa

La nuova gamma 924 Porsche continuava la tradizione dell'azienda di Zuffenhausen di mantenere uno stretto legame tra la produzione di "autovetture" e quelle destinate alle corse. Nel 1979, su iniziativa dell'ingegnere e pilota Jürgen Barth, la 924 iniziò a gareggiare nei rally. Nonostante la vittoria di classe al Rally d'Australia, la dirigenza Porsche dell'epoca non volle impegnarsi ufficialmente in questa disciplina e solo i clienti Porsche poterono correre con la 924 nel Gruppo 4 (Gran Turismo). Negli Stati Uniti, uno dei mercati più importanti per Porsche, la 924 D partecipò al campionato SCCA (Sports Car Club of America) e vinse il Touring Car Championship nel 1980. Nello stesso anno, tre 924 Carrera GT di serie parteciparono alla 24 Ore di Le Mans, ottenendo un ottimo risultato, con un 6° posto assoluto con il team Jürgen Barth-Manfred Schurti, mentre le altre due vetture si piazzarono al 12° e 13° posto.

Articles récents
LA SITUAZIONE DELLA RETE SNCF DOPO LA LIBERAZIONE

LA SITUAZIONE DELLA RETE SNCF DOPO LA LIBERAZIONE

In una Francia divisa in due dalla linea di demarcazione, solo la ferrovia poteva funzionare senza interruzioni. Un paradosso storico rappresentato dalla stazione di Avricourt, tra Parigi e Strasburgo, che ha riconquistato la sua posizione di stazione di frontiera tra il 1871 e il 1918! read more

Share this post

Pagamento sicuro al 100%. Pagamento sicuro al 100%.
Imballaggio sicuro Imballaggio sicuro
Trasporto sicuro  Trasporto sicuro
Abbonamento flessibile  Abbonamento flessibile