Porsche 930 Turbo

L'ammiraglia della gamma 911

Dieci anni dopo il suo lancio, la Porsche 911 è stata dotata di un motore turbo che l’ha trasformato in un vero mostro da corsa, coronando magistralmente la gamma 911.

Al Salone dell'Automobile di Parigi del 1974, Porsche ha presentato una nuova versione della 911 dotata di un motore turbo da 3 litri. Fin dal suo lancio, questo modello iconico della marca tedesca ha aumentato regolarmente le prestazioni del suo motore 6 cilindri piatto e gli ingegneri di Zuffenhausen hanno logicamente deciso di continuare questa corsa alla potenza aggiungendo un turbo. Questa tecnica aveva avuto successo con la 917 Spyder che correva nel CanAm ed era molto allettante di adattarla alle Porsche da strada.

Con la 911 Turbo, Porsche voleva creare un modello eccezionale in grado di competere con le auto sportive italiane. © IXO Collections SAS - Tous droits réservés. Crédits photo © Porsche / Archives et Collections.

Il concetto definito da Porsche era semplice: prendere la 911, ampiamente riconosciuta per le sue qualità, allargare i parafanghi per ospitare ruote e pneumatici di grandi dimensioni, aggiungere uno spoiler posteriore e uno anteriore e dotare il motore di un turbocompressore. In questo modo, gli ingegneri di Weissach hanno creato una vettura dalle linee facilmente riconoscibili e con la garanzia di prestazioni direttamente ereditate dalle corse. La stampa specializzata è stata particolarmente entusiasta della nuova Porsche. La rivista britannica Motor ha scritto: "Ciò che rende quest'auto assolutamente incomparabile è il modo in cui combina la potenza con la fluidità", mentre la rivista americana Road & Track l'ha descritta come "Sensazionale, semplicemente sensazionale...".

Questo disegno tecnico mostra la posizione del cambio nella parte anteriore del motore e l'intercooler installato sotto lo spoiler. © IXO Collections SAS - Tous droits réservés. Crédits photo © Porsche / Archives et Collections.

La punta di diamante di Porsche  

La Porsche Tipo 930, meglio conosciuta come 911 Turbo, è stata una delle auto di serie più potenti al mondo. Con questo modello, la casa tedesca non si limitò più a competere con le migliori auto sportive dell'epoca: la nuova Porsche 911 Turbo è entrata subito nel club esclusivo dei "mostri sacri" come la Ferrari 512 BB, l'Aston Martin V8 e la Lamborghini Countach. Diverse persone hanno contribuito allo sviluppo della 911 Turbo, concepita su iniziativa del Dr. Ernst Fuhrman, Presidente del Consiglio di Amministrazione Porsche dal 1972. Responsabile della progettazione era l'ingegnere Helmuth Bott, che dirigeva il Centro di ricerca e sviluppo di Weissach. Il responsabile del progetto era Wolfgang Berger, assistito da Helmut Flegl, che supervisionava gli ingegneri Horst Reitter e Hans Metzger, responsabili rispettivamente del telaio e del motore. Allo stesso tempo, Norbert Singer, responsabile del reparto corse, era incaricato dello sviluppo dei modelli da corsa 934 e 935.

Il 40% delle 20.613 Porsche 930 Turbo prodotte tra il 1974 e il 1988 è stato venduto negli Stati Uniti, in Canada e in Giappone. © IXO Collections SAS - Tous droits réservés.  Crédits photo © Porsche / Archives et Collections.

Parente stretto della Carrera RS

Paradossalmente, era proprio in un momento in cui il mondo stava uscendo da una crisi petrolifera senza precedenti che Ernst Fuhrman ha scommesso sul futuro e ha dato il via libera alla produzione di una 911 ad alte prestazioni lussuosamente equipaggiata. Come di consueto in Porsche, un nuovo modello è derivato da uno precedente senza significative innovazioni offrendo al cliente un'immagine diversa, mantenendo così una certa tradizione mentre l'innovazione si fa strada. In questo senso, la 911 Turbo è strettamente imparentata con la Carrera RS da 3,0 litri, che a sua volta è derivata dalla versione iniziale da 2,7 litri. In origine, era prevista la produzione di 400 esemplari della 911 Turbo per la clientela più sportiva, al fine di ottenere l'omologazione per il Gruppo 4. Tuttavia, a causa del suo grande successo, la vettura sarà prodotta per 15 anni, per poi essere sostituita nel 1989 da una nuova generazione di 911, la 964, con una versione Turbo disponibile a partire dal 1990. Tra il 1974 e il 1988 sono state prodotte in totale 20.613 Porsche 911 Turbo, di cui 17.763 nella versione da 3,3 litri del 1977. La versione da 3,3 litri era prodotta solo come Coupé, mentre la versione da 3,3 litri era commercializzata anche come Targa e Cabriolet tra il 1986 e il 1988.

La Porsche 911 Turbo ha una forte somiglianza con l'auto da corsa Carrera RSR. Nella foto, l'auto guidata da Gijs van Lennep e Herbert Müller alla 24 Ore di Le Mans del 1973 (18° posto). © IXO Collections SAS - Tous droits réservés. Crédits photo © Porsche / Archives et Collections.

Potenziamento della potenza

Il motore flat-six da 3 litri della Carrera aveva già raggiunto i limiti del suo sviluppo e il turbocompressore doveva fornire ulteriore potenza. Con una cilindrata di 2.994 cm3 (alesaggio 95 mm x corsa 70,4 mm), questo motore tipo 930/50 sviluppava 260 CV a 5.500 giri/min, con una coppia massima di 35 mkg a 4.000 giri/min. Il blocco e il basamento erano realizzati in lega leggera e i pistoni erano in alluminio rivestito di Nikasil. Per sfruttare l'enorme potenza del turbo, il telaio monoscocca in acciaio della Porsche 930 è dotato di sistemi di sospensione derivati da quelli della Carrera. Inoltre è presente un impianto frenante altamente efficiente con dischi ventilati e forati (diametro 284 mm all'anteriore e 290 mm al posteriore). Per il modello del 1977, la cilindrata è stata aumentata a 3.299 cm3, ora dotati di un intercooler aria-aria per facilitare il raffreddamento del turbocompressore e di un doppio terminale di scarico. La potenza è aumentata di 40 CV e la coppia massima è salita a 42 mkg.

Scheda tecnica

Porsche 930 Turbo 3.3 (1978)

• Motore: tipo 930/60, piatto, 6 cilindri contrapposti, longitudinale, a sbalzo posteriore

• Cilindrata: 3.299 cm3

• Alesaggio x corsa: 97 mm x 74,4 mm

• Potenza: 300 CV a 5.500 giri/min.

• Alimentazione: iniezione meccanica Bosch K-Jetronic, turbocompressore KKK

• Accensione: Bosch a transistor

• Distribuzione: albero a camme in testa per bancata, 2 valvole per cilindro

• Trasmissione: tipo 930/34, trazione posteriore, manuale a 4 rapporti + M.A.

• Pneumatici: pneumatici Pirelli, 205/55 VR 16 (anteriore), 225/70 VR 16 (posteriore)

• Freni: dischi ventilati (anteriori e posteriori)

• Lunghezza: 4291 mm

• Larghezza: 1775 mm

• Altezza: 1310 mm

• Interasse: 2272 mm

• Carreggiata anteriore: 1432 mm

• Carreggiata posteriore: 1501 mm

• Peso (a vuoto): 1.300 kg

• Velocità massima: 260 km/h

La 911 Turbo en course

Dans la logique de Porsche qui établit un rapport étroit entre ses machines de course et ses modèles destinés à la route, la 930 Turbo de série va donner naissance à plusieurs versions compétition qui marqueront leur époque dans de nombreuses disciplines. En Groupe 4 (Grand Tourisme) la 934 dispose du moteur 3 Litres dont la puissance est poussée à 570 ch. La Porsche 935 de Groupe 5 (Production Spéciale et «Silhouette») est celle qui va se tailler le palmarès le plus étoffé en remportant le Championnat du Monde des constructeurs en 1976 et 1977 ainsi que les 24 Heures du Mans en 1979. La 935/1 de 1976 est équipée d’un moteur de 2 857 cm3 et 590 ch tandis que la version 935/2 offre 630 ch avec la même cylindrée. Enfin, la Porsche 936 qui est une barquette prototype biplace destinée au Groupe 6 et qui est équipée d’un moteur de 2 142 cm3 développant 600 ch. Cette voiture a remporté les 24 Heures du Mans en 1976, 1977 et 1981 dans différentes versions.

Articles récents

Share this post

Pagamento sicuro al 100%. Pagamento sicuro al 100%.
Imballaggio sicuro Imballaggio sicuro
Trasporto sicuro  Trasporto sicuro
Abbonamento flessibile  Abbonamento flessibile

En poursuivant sur www.ixocollections.com, vous acceptez l'utilisation de cookies qui garantissent le bon fonctionnement du site. Pour plus d'informations, vous pouvez consultez notre politique sur les données personnelles